In Val di Fassa si parla di marketing turistico

by / 0 Comments / 135 View / 11 aprile 2017

Dolomiti Marketing Day in Val di Fassa il 19 maggio 2017

E’ un evento che avevo in mente da qualche anno e finalmente, spinto dalla voglia di far conoscere alla platea locale le evoluzioni del Web Marketing Turistico, sono riuscito ad organizzare questo appuntamento (ci sto ancora lavorando comunque 🙂 ), il Dolomiti Marketing Day.

Intanto vediamo di cosa si tratta: una giornata di alta formazione dedicata al mondo della ricettività e del turismo in Val di Fassa, scelto come luogo centrale alla realtà turistica operativa delle Dolomiti. Si tratterà di una serie di interventi di riconosciuti professionisti del mondo della comunicazione, consulenza e web marketing finalizzate a migliorare la gestione diretta degli operatori del turismo legati al territorio dolomitico. Quindi un evento rivolto agli albergatori ed esercenti extralberghieri, rivolto a chi lavora nel turismo, rivolto a chi si occupa di booking, di marketing e di comunicazione nelle aziende turistiche delle dolomiti. Insieme a me ci saranno alcuni professionisti del settore di Marketing Turistico, in primis Virna Pierobon che non solo mi ha aiutato alla creazione dell’evento, ma che soprattutto mi ha spinto a farlo. Ci sarà sicuramente anche Sergio Cagol, Michela Mazzotti, Nicola Seghi e Salvatore Russo. Inoltre sono in contatto con altri due relatori per decidere un loro coinvolgimento. Dettagli sul programma, sui relatori e sulle modalità di iscrizioni sono indicate sul sito dedicato: www.dolomitimarketingday.com.

A questo punto, presentato l’evento, mi voglio soffermare su un altro aspetto sul quale ho riflettuto in questi giorni. Qualche albergatore ha risposto ai miei inviti dicendo che a loro l’argomento del Dolomiti Marketing Day non interessava. Sicuramente, per partecipare al Dolomiti Marketing Day occorre avere una mentalità aperta, aver confidenza con il web ed i Social Network, essere aperti alla tecnologia e soprattutto essere consci che è in corso una trasformazione, anzi una vera e propria rivoluzione: sul nuovo modo di comunicare, di mostrarsi, di vendere e relazionarsi.

grisuMi ricordo sempre una slide di Sergio Cagol presentato al Travel Next a Trento nel 2014 in cui c’era il draghetto “Grisù” (un cartone animato degli anni 80 che rappresentava un piccolo Draghetto, appunto di nome “Grisù” che da grande voleva fare il pompiere per spegnere il fuoco e non, come voleva suo padre, comportarsi come un vero Drago, ovvero sputare fuoco ed incendiare) il cui slogan era “voglio fare il Pompiere” adattato per il mondo alberghiero “voglio fare l’albergatore“.

In questa battuta c’era tutto lo sfogo della maggior parte degli albergatori che volevano fare soltanto gli albergatori e non esperti in marketing alberghiero, operatori di booking engine, conoscitori di e-mail marketing, produttori di contenuti, ecc … Come non biasimarli … pensando ai vecchi tempi in cui il 90% del tempo era dedicato alla cura della struttura alberghiera e del cliente una volta giunto in hotel. L’unico marketing consisteva nel mandare gli auguri di Natale e Pasqua ed essere presenti nel catalogo dell’APT. Ma ahimè gli anni 80 sono passati da un pezzo e con l’avvento di internet sono cambiate tante cose, nel bene e nel male.

E le cose si sono complicate ulteriormente negli ultimi anni con le OLTA, con il Web Marketing, con i siti CMS, con l’avvento del mobile, del SEO, dei Social Network, dei  Channel Manager, e di tanti altri termini che sono sempre più associati alla promozione turistica di una struttura o di un territorio. E’ vero, il singolo albergatore non può conoscere tutto, non può essere esperto in tutto, ma può fare la differenza semplicemente imparando a conoscere questo mondo. Solo il sapere come funzionano certi meccanismi, come lavorano certi programmi, come ci si comporta sui Social Network e cosa significano tutti i termini che ruotano al marketing turistico, ecco, quello può fare la differenza. Non fosse altro solo per decidere in quale ramo investire, cosa approfondire, cosa ignorare e qual è la direzione che il turismo del futuro ha intrapreso.

La conoscenza porta ad un migliore adattamento ai cambiamenti in atto. Quindi a chi pensa che l’argomento del marketing alberghiero non possa interessare alla propria attività, invito nuovamente a riflettere e sentire almeno per un giorno cosa succede nel mondo della promozione turistica … è uno dei motivi per cui ho pensato questo evento qui in Val di Fassa.

Your Commment

Email (will not be published)

diciotto + 10 =