Sciare in Val di Fassa e visitare i Mercatini di Natale in Trentino Alto Adige

by / 0 Comments / 409 View / 28 novembre 2013

Vi riporto un articolo che ho scritto per Dolomiti Network anche qui sul mio blog:

Mercatino di Natale e Prima neve, un’accoppiata meravigliosa

Visitare i Mercatini di Natale nel Trentino Alto Adige ha un fascino tutto particolare, ma spesso molti si riducono a visitare i mercatini con una toccata e fuga in giornata e trasformano così un’occasione che potrebbe essere piacevole in un tour de force allucinante, specie se ciò coincide con un week-end. Cosa fare allora per riuscire a godersi i Mercatini di Natale con tutta tranquillità? La soluzione ideale sarebbe prendersi alcuni giorni e dividerli tra un primo assaggio della neve in montagna, ovviamente in Val di Fassa, con un paio di giorni di mercatini. Ancora meglio: mattina sci e pomeriggio/sera mercatini, proprio con l’accensione delle luci il fascino dei mercatini è alle stelle!

Vediamo innanzitutto cosa sono i Mercatini di Natale e dove nascono.

Il Mercatino di Natale è una manifestazione commerciale pubblica, che si svolge generalmente all’aperto, nel centro cittadino, nel quale viene esposto tutto ciò che concerne il Natale. Generalmente vi si trovano dei piccoli stand, nei quali vengono messe in vendita le decorazioni natalizie, i prodotti regionali gastronomici o dell’artigianato, souvenir, piccoli oggetti regalo. Si effettua diffusamente un servizio di ristorazione veloce che propone spesso il vin brulé, panini, salsicce e wurstel caldi. La decorazione del luogo cerca di risultare suggestiva: si compone di una notevole illuminazione, fatta di luminarie, e spesso di fuochi di ceppi. Sovente il paesaggio sonoro è allietato da cori e musiche natalizie. L’intrattenimento comprende spesso degli spettacoli tradizionali quali, ad esempio, l’interpretazione di personaggi del presepe o della nascita di Gesù. A volte, i mercatini hanno anche apertura notturna, talvolta solo in alcune serate notti, talvolta per l’intero arco della manifestazione.

La tradizione dei mercati di Natale risale a un tempo in cui gli acquisti all’ingrosso non si facevano nei supermercati, ma bisognava aspettare le fiere organizzate in genere alla scadenza di ricorrenze annuali come ad esempio il periodo dell’Avvento. Le prime tracce di mercati di Natale risalgono al XIV secolo in Germania e Alsazia con il nome di Mercato di San Nicola. Il primo documento che attesta un mercato di Natale è datato 1434 e cita un Striezelmarkt (mercato degli ‘Striezel’, un dolce tedesco) che ha avuto luogo a Dresda, il lunedì precedente il Natale. Più tardi, durante la Riforma protestante, il nome fu ribattezzato in Christkindlmarkt (che letteralmente in tedesco significa il mercato del Bambino Gesù). Altri antichi mercati sono quello di Strasburgo che risale al 1570, e quello di Norimberga del 1628.

Oggi, i mercati di Natale più famosi sono tenuti nelle città di Norimberga, Dresda, Colonia (Germania), e Strasburgo (Francia); durante il periodo di dicembre, i mercati le rendono mete turistiche molto popolari. A Colonia si tengono ben sette mercati, in differenti luoghi della città, di cui uno in una imbarcazione sul Reno. In Italia, il mercatino di Natale a Bolzano, sorto nel 1990, ha raggiunto negli anni importanti affluenze di visitatori. In seguito il Mercatino di Natale si è diffuso in molte città dell’Italia settentrionale e in generale di tutto l’arco alpino.

Personalmente vi consiglio di non perdere il Mercatino di Natale di Trento, di Bolzano e soprattutto di Merano, quest’ultimo abbinabile anche ad alcune ore di Relax alle Terme di Merano che si trovano praticamente circondate dai Mercatini. Per chi vuole esagerare, in tutta la regione Trentino Alto Adige vi sono altri mercatini, come per esempio a Rovereto, Brunico, Bressanone, ecc…

fonte: Wikipedia

Your Commment

Email (will not be published)

cinque × cinque =