Ok, il prezzo è giusto

by / 0 Comments / 122 View / 3 aprile 2018

Se credi che un professionista costi troppo, è perché non sai ancora quanto ti costerà un incompetente

Nel mio campo web/marketing/fotografia, più andiamo avanti e più le cose sembrano confuse, almeno da parte di chi deve acquistare e scegliere. La confusione è grande per prima cosa sui contenuti, ma anche perché sono nate tante cose da sapere e conoscere in questi anni che una volta non esistevano (es. SEO, SMM, ROI, AdWords, ADV, plug-in, CMS, cookie, copywriting, SSD, ecc..). Se dobbiamo poi dare un giusto valore a tutto questo, si fa presto a sbagliare nelle scelte, magari cedendo a chi ci fa un prezzo molto basso, oppure paradossalmente anche al contrario a chi ci fa un prezzo molto alto. Entriamo nel dettaglio e facciamo degli esempi per chiarirci le idee.

Se credi che un professionista costi troppo, è perché non sai ancora quanto ti costerà un incompetente Condividi il Tweet

Quindi quanto costa un sito web?

Alzi la mano chi conosce bene tutte le dinamiche che ci sono dietro alla realizzazione di un sito web! Molti credono di potersi appoggiare all’amico del cugino che è molto bravo sul web e ci fa risparmiare. “Pensate compra i domini a 9,99 Euro!” Ma in realtà sapete cosa c’è dietro all’acquisto di un dominio ed allo spazio web, ovvero dove poi andrà a finire il vostro sito? Sapete cosa è un Server dedicato con dischi fissi SSD in modalità RAID 10 in una Webfarm lungo la dorsale Internet a Londra? Sapete quanta banda avete a disposizione e con quale velocità massima? Il vostro Server fa il backup continuo oppure si tratta di un server che si trova in Bangladesh, magari in uno scantinato umido e soggetto quindi a rotture improvvise (tradotto in un semplice … “oh cavolo, il sito non si vede più“)? “Però costa poco!” E sulla costruzione del sito cosa sapete? … “ah sì, oggi tutti sanno usare WordPress, che ci vuole“, ma siamo sicuri di sapere tutto sul CMS più diffuso al mondo, sulle versioni e sui plug-in? Viene fatto tutto il necessario per bloccare gli attacchi degli hacker? Per non parlare poi del contenuto … “ma sì, le immagini si scaricano direttamente dal web, tanto sono lì che nessuno le usa ed anche il testo lo copio da qualche parte che non se ne accorge nessuno ed è magari già pronto per il SEO“. E poi tutte le altre cose non servono … “chi se ne frega della legge sulla privacy e dei cookie e che se arriva la multa non la pago“. Insomma, una marea di funzioni e di cose da sapere (ed ho accennato appena alcune delle più importanti) che, se lasciate in mano ai dilettanti, si trasformano in un flop assicurato. Però costa poco.

Ma c’è anche il rovescio della medaglia, il super esperto che arriva da Milano “perché lì sì che le cose le sanno fare bene” (esempio puramente casuale senza voler offendere nessuna azienda di Milano … è solo per sottolineare che nessuno è profeta in patria) … e che inizia a parlare per ore, sfoderando tutta la sua conoscenza linguistica, intortando completamente il cliente con termini super fighi che vengono compresi appena all’1% … infatti, alla fine si mette a parlare della possibilità di trovare vita su Marte, ma voi pensate ancora che parli del vostro futuro sito web. Ecco, dopo questa fase di ipnosi, vi compare sotto mano una penna, un foglio con milioni di clausole corpo 6 e voi firmate … sì, avete firmato la realizzazione di un bellissimo sito web, ma non vi  siete accorti che dovrete pagare soltanto 2.000,00 Euro per i prossimi vent’anni della vostra vita … ogni mese, ovviamente! Come fare a distinguere quindi tra l’amico del cugino di campagna e l’esperto della Nasa? Arrivate in fondo e lo scoprirete.

Marketing è fico

Nel campo del marketing poi le cose si complicano ulteriormente, essendo il marketing una parola un tantino abusata. Realizzare marketing per un’azienda, che sia web marketing, marketing tradizionale, public relation, pubblicità con i volantini, ecc… ha dei costi che possono spaziare da un nulla fino ad investimenti stratosferici. Sicuramente senza investire non si ha un ritorno e per avere un ritorno occorre investire. Il trucco sta nel sapere dove, come e quanto investire, anche in relazione al proprio budget. Investire 20,00 Euro per sponsorizzare una pagina Facebook non è fare marketing, ma regalare 20,00 Euro a Zuckerberg. Investire 10.000,00 Euro in AdWords su Google può avere sicuramente maggiore efficacia, ma la vostra azienda è sufficientemente bilanciata per avere un ROI (return of investment) adeguato? Riformulo l’ultima domanda con un esempio: se avete un Hotel ed investite 10.000,00 Euro in Google Adwords che, nelle migliori delle ipotesi, vi garantisce 50 clienti nuovi (solo se fatto molto bene), facendo un breve conto è come aver pagato 200,00 Euro per cliente … quindi, se siete un Hotel di lusso a 4 o 5 stelle ed una settimana di quelle sponsorizzate costano al cliente finale, per esempio, 2.000,00 Euro, il costo del vostro ADV è nell’ordine del 10% per cliente … meno di Booking, un affare …, mentre se siete un semplice tre stelle ed avendo speso sempre gli stessi 200,00 Euro a cliente, ma il soggiorno di una settimana costa 800,00 Euro, ecco che il costo dei 200,00 Euro di ADV è pari al 25% del ricavo, decisamente un po’ troppo. Con questo semplice esempio abbiamo capito due cose: ogni azione di marketing va calibrata in base al target ed in base alle proprie aspettative e la seconda cosa è che il marketing non è gratis. Quindi quanto costa? Arrivate in fondo e lo capirete.

Mi dia un Kg di immagini da 50 Mpixel

Infine, affrontiamo l’argomento foto/video, che mi sta anche molto a cuore 🙂 . Oggi tutti abbiamo in tasca uno smartphone con un trillione di megapixel, quindi siamo tutti fotografi? Molti credono di sì, ma nella comunicazione per immagini c’è molto di più di una bella foto del tramonto, di trillioni di megapixel della fotocamera o di qualche “Mi Piace” su Instagram. La fotografia per prima cosa è un linguaggio, un linguaggio universale che non ha bisogno delle traduzioni di un testo per arrivare alle persone di tutto il mondo. Foto ben realizzate colpiscono di più … ben realizzate non significa per forza con due modelli super truccati con luce artificiale e post produzione a manetta … una foto ben realizzata significa per prima cosa armonia, inquadratura e composizione … ed alla fine deve tradursi in emozione. Quando una fotografia trasmette emozioni, ha raggiunto il suo scopo … ovviamente sempre in relazione a ciò che andiamo a proporre. Un solo servizio fotografico ogni 10 anni non è più sufficiente ed è possibile realizzare una serie di shooting days durante l’anno o la stagione senza spendere un capitale. In questo modo abbiamo a disposizione un ricco assortimento di immagini da poter usare nella comunicazione, ovvero nel marketing (visto quanta relazione esiste tra fotografia e marketing).

Il discorso si allarga poi se, insieme alle fotografie, si realizzano video di qualità, che non significa per forza chiamare una troupe cinematografica per un minuto di video, ma significa saper calibrare bene gli elementi che ci circondano … come nella fotografia, soltanto che in questo modo la fotografia prende vita e si muove. Investire in fotografia e video è anche fare marketing (lo avevo già detto poco fa 🙂 ) e senz’altro porta a conoscenza del mondo ciò che volete offrire, specie se si tratta di prodotti e servizi che si possono vedere. D’altronde, spendere centinaia di migliaia di Euro, per esempio, in un centro Wellness per poi non farlo vedere, non ha molto senso … o no?

Come stabilire quindi quale è il prezzo giusto?

Per concludere, quindi, quale è il prezzo giusto per un lavoro da professionista? Diciamo subito che non esiste una regola fissa, spesso occorre confrontarsi con chi vi segue e vi realizzerà il lavoro, fornendogli tutti i dettagli del risultato finale desiderato. Occore però anche lasciare spazio a chi conosce l’argomento meglio di noi e farci guidare dai consigli e suggerimenti (magari con un linguaggio semplice e comprensibile anche a chi non è addetto al lavoro). Il prezzo non deve essere un ostacolo, ma il giusto compenso per il lavoro svolto. Una cosa fondamentale che sicuramente non va trascurata è la fiducia, che deve instaurarsi tra cliente e professionista, fiducia e rispetto reciproco che sono alla base di ogni rapporto di lavoro proficuo per tutte le parti in causa. In ogni caso, non abbiate paura di chiedere un preventivo. Spesso obiettivi difficili da raggiungere sono invece alla portata di tutti.

Qualche mio link

E adesso per sdrammatizzare vediamo qualche professionista al lavoro … 😉

Copyright immagini Depositphotos e Pixabay

Your Commment

Email (will not be published)

20 − dodici =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.