Social Media Trend 2016

by / 0 Comments / 245 View / 8 gennaio 2016

La tendenza del mondo Social Network nel 2016

Quest’anno gioco d’anticipo e provo già in questi primi giorni del 2016 a capire quale direzione stanno prendendo i Social Network. Come al solito si tratta solo di una tendenza, visto che nessuno conosce con certezza quali potranno essere le mosse dei grandi Social Network nel corso dell’anno, a parte qualche “rumors” che ogni tanto circola in rete.

Ed è proprio da un “rumors” arrivato fresco fresco che voglio partire con la mia breve rassegna. Il “rumors” viene dal mondo di Twitter, che negli ultimi due anni non è cresciuto quanto ci si aspettava (infatti già nel mio post sul trend del 2015 ad inizio anno si parlava di una crescita a rilento di Twitter, sotto le aspettative iniziali) e le pochissime novità introdotte negli ultimi mesi (es. la stellina “preferiti” che si è trasformata nel cuoricino “Mi Piace” … stile Facebook) non hanno di certo cambiato lo scarso trend di crescita (siamo fermi a 320 milioni di utenti attivi, comunque scusate se vi sembra poco). Ed ecco la notizia che da pochi giorni, anzi poche ore gira sul web: Twitter potrebbe abbandonare una delle sue caratteristiche principali, ovvero il limite dei 140 caratteri che dovrebbe addirittura arrivare a 10mila caratteri. La notizia ha avuto una risonanza tale sul web nelle ultime ore che il Ceo di Twitter, Jack Dorsey, ha preso pubblicamente una posizione, dicendo in parole semplici, che Twitter resterà com’è e che la “maggior parte dei tweet sarà sempre breve”. Quindi, è veramente un no? Sicuramente il mondo degli utenti più fedeli a Twitter in queste ore sta insorgendo e grida ad alta voce (nei limite dei 140 caratteri si intende 🙂 ), decisamente NO! Tanto che sono nati tantissimi messaggi con hashtag diversi per ribadire il NO ed alcuni di questi nelle prime posizioni nel trend odierno, come per esempio #SuTwitterPerchè. Anch’io personalmente credo che questo sarebbe un grave errore, visto che la forza di Twitter sta proprio nei suoi 140 caratteri. Magari il trambusto creato potrebbe veramente risollevare le sorti di Twitter in questo 2016? Difficile dirlo, penso ci voglia ben altro. Personalmente comunque Twitter resta il mio Social Network preferito e credo che molti non ne abbiano ancora ben compreso i meccanismi e le potenzialità. Magari gli utenti più evoluti potrebbero prendere spunto da questo ed inventarsi qualcosa (o almeno suggerire), come fare per dare uno slancio positivo a Twitter.

Andiamo avanti ed analizziamo gli altri Social Network. Del big dei Social parlo dopo, per ora concentriamoci sulle novità più significative. Una di questa è comunque un po’ legata proprio al big dei Social, ovvero a Facebook (visto che sono già alcuni anni che vi è stata l’acquisizione, anche se poi vive di vita propria … oppure no?). I più esperti avranno già capito che parlo di Instagram che nell’ultimo trimestre del 2015 ha superato gli utenti di Twitter, arrivando a toccare quota 400 milioni. Di fatto Instagram resta un’App, visto che sul web è possibile soltanto vedere, ma non toccare, ma azzardo una piccola previsione (se sbaglio non picchiatemi) ovvero credo che quest’anno sarà introdotta la possibilità di interagire anche dal web con Instagram. Lo dico sulla base di due novità, una introdotta da pochissimo, ovvero la possibilità di effettuare advertising su Instagram (attraverso un profilo Facebook, quindi dal web) e l’altra che è ancora sperimentale, quindi a breve introduzione, ovvero che sarà possibile gestire più account Instagram su ogni dispositivo, semplicemente cambiando un’impostazione (adesso per gestire più profili Instagram su un dispositivo occorre uscire e riloggarsi con un nuovo nome … operazione decisamente scomoda). L’obiettivo di Instagram è quindi aumentare gli utenti (e soprattutto aumentare gli utili) ecco perchè credo che l’unica strada per fare questo e farlo bene, sia quella di aprirsi al web. Una cosa è certa, Instagram piace, grazie al fatto che fa leva sulle foto, di facile ed immediata consultazione e con un linguaggio universale, che sono appunto le immagini. Il suo trend di crescita continuerà sicuramente per tutto il 2016 e credo ci sorprenderà ancora nel corso dell’anno.

Vi ricordavate che l’anno scorso circolavano voci su Google Plus, della serie, Google Plus è morto? Poi noi tutti esperti a dire che non era vero e che il Social di big G non poteva morire, anzi era importante per il SEO e per la diffusione dei contenuti? Ebbene sì, adesso sono io a dirlo … Google Plus è morto. Il calo degli utenti è stato enorme nel corso dell’anno ed alcune modifiche sul suo uso hanno di fatto peggiorato l’interazione con il Social Network di Google. Non è neanche tanto la recente divisione tra Google Plus e Youtube (prima era necessario iscriversi a Google Plus per aprire un canale su Youtube), ma il fatto che è un Social che non diverte come Facebook e se ci aggiungiamo il peggioramento nel suo uso e la sua scissione da Youtube, non ci vuole molto per prevedere un collasso totale di Google Plus nel corso dell’anno. Ci vorrebbe un miracolo per farlo risorgere, ma allo stato attuale non vi sono segnali positivi che vanno in quella direzione. D’altronde non è il primo progetto fallito di Google (a fronte però di grandi successi 🙂 ) e non è il primo Social Network che chiude (vi ricordate di MySpace … il primo Social Network che andava forte prima dell’arrivo di Facebook). Comunque Google Plus non è ancora del tutto morto e spero in una sua imminente rinascita, ma ahimè, credo non sarà così.

Va bene, parliamo di Facebook. Ecco i suoi numeri nell’ultimo trimestre 2015: gli iscritti/attivi sono 1,55 miliardi ed in Italia 28 millioni. Serve dire altro? Facebook resta e resterà il Re dei Social Network ed il suo trend di crescita non si arresta. L’anno scorso avevo ipotizzato un calo di interesse, almeno in Italia, ma sono stato smentito, anche perchè nel panorama alternativo non ci sono state sostanziali novità, nulla di rivoluzionario, quindi Facebook tiene ancora molto bene il suo trend di crescita.

Quindi basta così? Beh no, dai. Che dire di Pinterest che conta di 100 millioni di utenti attivi di cui 1,4 in Italia e di LinkedIn che ha circa gli stessi utenti di Pinterest, ma molto più seguito in Italia con 7 milioni di utenti attivi (sarà forse per la crisi nel mondo del lavoro)? Ed il colosso Youtube con oltre un miliardo di utenti attivi nel mondo, ah, ma non è un Social Network … oppure sì? Beh se cito Youtube che proprio un Social Network non è, devo citare i messenger più diffusi che vantano numeri da capogiro vicino al miliardo come lo stesso Messenger di Facebook e Whatsapp …ma non sono comunque dei veri e propri Social Network. Tutti questi che ho citato sono in crescita, così come è in crescita il trend mondiale degli utenti concessi ad Internet che ha superato la soglia dei 3 miliardi di persone (36 milioni in Italia).

Per concludere vi dico solo: usate di più Twitter! 🙂

Your Commment

Email (will not be published)

due × tre =